Share

La guerra dei cent' anni fu un conflitto che vide contrapposti il Regno d'Inghilterra e il Regno di Francia per ben 116 anni (dal 1337 al 1453) , fino all'espulsione degli inglesi dal continente.
La guerra vide la nascita di nuove armi e nuovi modi di combattere.
Vi fu l'abbandono degli eserciti reclutati su base feudale e incentrati sulla forza d'urto della cavalleria pesante quale regina dei campi di battaglia.
Videro la luce gli eserciti professionali , ed il ruolo della fanteria ebbe in alcune battaglie un posto di primo piano.
In alcune battaglie i fanti inglesi armati di ARCO LUNGO (LONGBOW) decimarono la cavalleria pesante francese.
Il rumore prodotto dalle centinaia di archi in funzione durante le battaglie venne denominato dai Francesi "Arpa del Diavolo".

 



Comparvero le prime bocche da fuoco.
Nel 1346, a Crécy , furono esplosi alcuni colpi d'artiglieria dagli Inglesi . Fu allora che le armi da fuoco fecero il proprio ingresso nella storia della guerra dei cent'anni.

 

Nella BATTAGLIA DI CASTILLON , l'artiglieria francese, comandata dai fratelli Gaspare e Giovanni Bureau (quest'ultimo fu Gran Maestro dell'artiglieria di Carlo VII), ebbe il tempo di prepararsi: 300 pezzi alla volta spararono a mitraglia.

Ci fu una spaventosa carneficina. Gli assalitori furono schiacciati l'uno contro l'altro, senza poter scappare o nascondersi. Coraggiosamente i sopravvissuti si raggrupparono, ma delle nuove scariche vi gettarono lo scompiglio. I francesi allora aprirono gli sbarramenti e si gettarono sugli inglesi. Dalla mischia che ne scaturì, John Talbot, il cui cavallo era stato abbattuto da una palla di cannone, cadde al suolo e fu ucciso da un arciere. Al rumore delle cannonate, i bretoni in riserva a Horable, caricarono con la cavalleria ed accelerarono la rotta degli inglesi.